Migliore robot da cucina con estrattore del 2019

Tra gli elettrodomestici più amati degli ultimi anni sicuramente il podio è meritato dai robot da cucina con estrattore di succo da frutta e verdura. Con questa tipologia di elettrodomestici sarà facilissimo estrarre il succo fresco dalla frutta, preservando la qualità e le vitamine presenti negli ortaggi o nella frutta da noi acquistata. Questo genere di prodotti si dimostra ottimo anche per chi non fosse un grande amante delle verdure cotte, ma volesse comunque poter assumere con facilità i nutrienti e le vitamine in essi presenti. In commercio ne esistono ormai moltissimi modelli e la loro fascia di prezzo varia dai 50 fino agli oltre 500 euro.

Caratteristiche generali

In commercio esistono moltissimi tipi di robot con estrattori di succo, e a livello generico si possono dividere in due grandi categorie: quelli in grado di estrarre il succo a freddo e le centrifughe. Queste ultime sfruttano la forza centrifuga per estrarre dalla frutta e dalla verdura il succo, mentre i cosiddetti estrattori a freddo hanno un sistema che attraverso speciali tipi di filtro “schiaccia” il singolo prodotto per ottenere il succo.

Gli estrattori sono spesso pubblicizzati come il miglior prodotto per ottenere del succo genuino e senza che a causa del calore venga corrotto l’apporto di vitamine e di sostanze nutritive in essi presenti. Al di là di quella che può essere la propria soggettiva preferenza, si tratta di due ottime tipologie di prodotti, entrambi idonei a realizzare velocemente dell’ottimo succo di frutta e verdura.

Centrifughe

Oltre all’acceso dibattito sulla conservazione degli elementi nutritivi tra estrattori e centrifughe, uno degli aspetti che differenzia moltissimo questi due prodotti è dato anzitutto dall’aspetto (le centrifughe possono essere anche molto più piccole e compatte rispetto agli estrattori) e in secondo luogo dalla quantità di succo da essi prodotto: a parità d’ingredienti sembra che le centrifughe siano in grado di produrre una quantità molto più elevata di succo, la cui consistenza è totalmente diversa da quello prodotto con l’estrattore.

Grazie a un sistema di lame rotanti, questo tipo di elettrodomestici permette di ottenere un succo liscio e senza la presenza di fibre e filamenti di frutta e verdura. Generalmente si possono inserire i pezzetti di frutta direttamente da un’imboccatura posta sulla parte superiore del prodotto, che una volta azionato rilascia le quantità di succo prodotto nella caraffa o nel bicchiere che si sarà posto al suo fianco. Questa caratteristica varia da modello a modello, alcuni permettono anche di scindere il recipiente contenente il succo dalla parte meccanica della centrifuga e di utilizzarlo per versare direttamente il succo nei vari recipienti.

Il prezzo di questa tipologia di prodotto è influenzato dalla potenza, dal design e dalla marca della casa produttrice ma per lo più è possibile reperire un’ottima centrifuga dai 50 ai 200 euro. Montaggio e smontaggio sono estremamente intuitivi, e per alcune componenti sarà possibile utilizzare la lavastoviglie.

Estrattori

Il secondo tipo di elettrodomestici più in voga per l’estrazione di succo da frutta e verdura sono gli estrattori a freddo che, grazie a una sorta di “pestello” automatico, schiacciano la frutta in maniera lenta e continua. Generalmente anche i modelli più basilari vengono venduti con due tipi di filtro (uno a fori larghi e uno a fori più stretti) che permettono di ottenere succhi più omogenei o contenenti anche delle parti di fibra.

Si presentano in maniera del tutto diversa dalla centrifughe: il corpo macchina di questi elettrodomestici si svolge in verticale e generalmente occupa anche uno spazio maggiore rispetto a quello della centrifuga. A differenza di quest’ultime l’estrattore si rivela efficace anche nella preparazione di alcune tipologie di ricette salate, utilizzando magari le parti fibrose degli ingredienti “scartati” dal succo.

Quasi tutti i tipi di estrattori sono composti da un’imboccatura in cui versare gli ingredienti e due “rubinetti” laterali da cui fuoriusciranno il succo e gli scarti fibrosi. Sono prodotti meno compatti delle centrifughe e generalmente vengono venduti anche con gli specifici accessori per la pulizia, un pestello per spingere gli ingredienti all’interno dell’imboccatura ed eventuali guarnizioni.

Si tratta di prodotti estremamente silenziosi e che oggi sono reperibili anche a fasce di prezzo medio-basse (dai 50 ai 500 euro per i modelli più sofisticati).

Confronto tra questi due tipi di prodotto

Ora che abbiamo visto le principali caratteristiche di questi due prodotti per la realizzazione del succo fresco fatto in casa, vediamo quali possono essere i loro vantaggi e svantaggi a confronto:

  • Secondo una larga parte di consumatori l’estrattore a freddo permetterebbe di ottenere del succo più genuino e salutare rispetto a quello della centrifuga, il quale sarebbe inoltre conservabile in frigorifero per alcuni giorni (viceversa che per quanto riguarda la centrifuga).
  • Il prezzo dei due prodotti è praticamente identico, ma lo spazio occupato invece è molto differente: la centrifuga è più compatta, mentre l’estrattore può occupare molto più spazio e avere una grossa quantità di accessori in dotazione.
  • L’estrattore è estremamente silenzioso, permette di utilizzare gli scarti per realizzare sia ricette dolci che salate e ha un motore generalmente molto potente. La centrifuga è più rumorosa, e permette di realizzare un succo liscio e senza residui.
  • Il lavaggio e lo smontaggio delle centrifughe può rivelarsi estremamente facile ed intuitivo, viceversa molti consumatori hanno dichiarato di trovare estremamente scomodi alcuni tipi di estrattore. Entrambi questi elettrodomestici consentono comunque di lavare alcune componenti nella lavastoviglie (quelle in plastica o vetro, mentre per i pezzi in acciaio è consigliabile utilizzare sempre uno spazzolino apposito e mai saponi aggressivi).
  • La quantità di succo prodotta da questi due tipi di prodotto può variare, ed essere leggermente di più è quella prodotta dalla centrifuga.
  • A differenza della centrifuga, in cui si potranno inserire anche ingredienti comprensivi di buccia (sempre dopo averli accuratamente lavati), per l’estrattore è consigliabile toglierla così da non mettere eccessivamente troppo sforzo il prodotto e di surriscaldarlo.

Considerazioni finali

Ci sono veramente tantissime differenze tra questi due tipi di prodotti, e per questo è consigliabile leggere attentamente la scheda tecnica e le recensioni inerenti ciascun elettrodomestico prima di procedere con l’acquisto. Entrambi risultano comunque essere prodotti estremamente efficaci e utili per produrre dell’ottimo succo fatto in casa in tempi rapidi e praticamente senza alcuno sforzo, usufruendo dei grossi benefici della frutta e verdura fresca e senza conservanti.

8695 8751 7398 7106 9027 8959 8044 8955 7836 9016
Back to top
Migliore Robot da Cucina